Home · Girotondo · Mappa · Preghiera · Ideatori Agosto 16 2017 17:03:04
Le 33 Tappe del Girotondo a Piedi
01 - Assisi–Castello di Biscina
02 - Castello di Biscina–Gubbio
03 - Gubbio-Pietralunga
04 - Pietralunga-Città di Castello
05 - Città di Castello–Citerna
06 - Citerna-Monte Casale
07 - Monte Casale-Cerbaiolo
08 - Cerbaiolo-La Verna
09 - La Verna-Eremo della Casella
10 - Eremo della Casella-Anghiari
11 - Anghiari-Arezzo
12 - Arezzo-Castiglion Fiorentino
13 - Castiglion Fiorentino-Cortona
14 - Cortona-Passignano
15 - Passignano-Castiglione del Lago
16 - Castiglione del Lago-Chiusi
17 - Chiusi-S.Casciano dei Bagni
18 - S.Casciano dei Bagni-Torre Alfina
19 - Torre Alfina-Bagnoregio
20 - Bagnoregio-Orvieto
21 - Orvieto-Alviano
22 - Alviano-Amelia
23 - Amelia-Sacro Speco
24 - Sacro Speco-Greccio
25 - Greccio-Rieti
26 - Rieti-Poggio Bustone
27 - Poggio Bustone-Terni
28 - Terni-San Pietro in Valle
29 - San Pietro in Valle-Spoleto
30 - Spoleto-Trevi
31 - Trevi-Bevagna
32 - Bevagna-Spello
33 - Spello-Assisi
Contatti
info@girotondosanfrancesco.it
Le 9 Tappe del Girotondo Express
01 - Assisi-Citerna
02 - Citerna-La Verna
03 - La Verna-Cortona
04 - Cortona-Cetona
05 - Cetona-Orvieto
06 - Orvieto-Greccio
07 - Greccio-Spoleto
08 - Spoleto-Montefalco
09 - Montefalco-Assisi
Scarica l'intero testo

  • Tappe 01-11
  • Tappe 12-22
  • Tappe 23-33
  • Girotondo Express

  • Il Girotondo
    Nasce come alternativa italiana allo spagnolo Camino de Santiago, il più noto pellegrinaggio d’Europa, che in 31 giorni collega la Francia pirenaica a Santiago de Compostela in Galizia. Il Girotondo non vuol essere da meno, sia come lunghezza totale (777 chilometri contro 774 del Camino) che come impegno per tappa (in media di 26/27 chilometri).

    Ma come varietà e avventura l’itinerario della Via del Tau che esce emblematicamente dalla Porta di San Giacomo, ad Assisi, è nettamente piu' interessante: il pellegrino tocca magnifici paesi e città medievali in mezzo a un paesaggio da sogno, tra conventi e santuari fondati da San Francesco nel XIII secolo, tra monti, boschi, vigne ed ulivi che il poverello d’Assisi attraversava nel suo continuo peregrinare per il centro d’Italia tra antichissime abbazie e santuari con dipinti straordinari.

    Il Girotondo spazia principalmente per l’Umbria, la regione più spirituale d’Italia, ma ai suoi estremi a nord sfora in Toscana, all’eremo della Verna dove il santo ha ricevuto le stimmate, e a sud nel Lazio, a Greccio, il santuario dove Francesco ha inventato il presepe. Il giro rotondo è lungo in linea d’aria 160 chilometri (dal punto più settentrionale situato alla Verna al punto più meridionale, Sant’Elia Reatino) e largo 100 (da Trevinano ad ovest a Cantalice ad est).

    Il pellegrino sarà accompagnato nel Girotondo da un miriade di affreschi, pitture, ceramiche, sculture, tutti capolavori messi in mostra in ogni chiesa e in ogni museo che si incontra per strada dal Perugino, dallo Spagna, dal Pintoricchio, dai Della Robbia, da Piero della Francesca, da Giotto...

    Si attraverserà in traghetto il Lago Trasimeno, si camminerà per l’Alpe della Luna, il Monte Rufeno, l'Alpe di Catenaia, l’Oasi del WWF del Lago d’Alviano, e si viaggierà per altri mille sentieri solitari che faranno provare al pellegrino ciò che sentiva San Francesco quando percorreva in perfetta letizia quelle stesse strade. Quando il patrono dell’ecologia raggiungeva quegli eremi e quelle grotte sperduti in mezzo a una natura bellissima che ancora oggi sono meta di viaggiatori incantati e benedetti da Dio.

    Il Girotondo dura 33 giorni come gli anni di Gesù. Percorre itinerari già segnati, come il Sentiero della Pace tra Assisi e Gubbio, come il Cammino di Francesco tra Greccio e Poggio Bustone. Si innesta anche sul Sentiero del Tau Giallo di Angela Seracchioli, sulla Via Francigena di San Francesco, sul Sentiero degli Ulivi tra Spoleto e Trevi, sul Sentiero della Bonifica in Val di Chiana.

    Ma inaugura ex novo numerosi tragitti, come quello lungo il sentiero 50 dall’Eremo della Casella al Castello di Montauto o la strada sterrata dei Tarlati che collega Anghiari ad Arezzo. E inediti sono anche la via che da Trevi conduce a Montefalco transitando per gli affreschi meravigliosi racchiusi nella chiesetta di S.Maria di Pietrarossa, la salita dall’Abbazia di S.Pietro in Valle al monastero di Monteluco sopra Spoleto e il passaggio dalla Fonte di Annibale, luogo che ricorda la battaglia fra cartaginesi e romani da Cortona al Lago Trasimeno.

    Un altro punto di distacco del Girotondo è rappresentato dall’Isola Maggiore nel lago vulcanico più grande d’Italia. Vi si accede da Passignano in traghetto in un giorno di riposo collocato circa a metà dell’intero giro. L’atmosfera dell’isola sul Trasimeno è intrisa di mistica francescana: si puo’ accedere alla grotta in cui l’uomo angelico dormiva durante la quaresima del 1211, mangiando solo mezzo pane dei due che si era portato dietro. Altro lago toccato dal Girotondo è quello bellissimo di Bolsena con la Basilica di Santa Cristina dove nel 1263, grazie al primo miracolo eucaristico della storia, fu proclamata la festa del Corpus Domini.

    La Via del Tau transita per Civita di Bagnoregio, il toccante paese che muore arroccato su un colle di tufo che si sta sfaldando, Cetona con i suoi due conventi del 1200 gestiti ora da una ong che si occupa di ex drogati, il tempio di Sant’Angelo in Pantanelli sulla riva del Tevere, dove il santo ha parlato ai pesci, il convento di Sargiano sulle alture di Arezzo, Narni, l’antica Narnia latina, il fantastico borgo di Arrone nel Parco Fluviale del Nera, la pietra di Cannara sulla quale Francesco predicò agli uccelli. L’elenco dei Borghi più belli d’Italia comprende 14 paesi lambiti dal Girotondo.

    La Via del Tau è davvero incantevole! Il Tau è sempre stato caro a San Francesco: dipingeva quella lettera sacra dell’alfabeto ebraico e greco ovunque, dai muri di Fonte Colombo dove ancora oggi si puo’ vedere una scritta autografa del santo, alle vesti dei suoi compagni, ai sassi nelle vie che lui percorreva. Per questo il Girotondo di San Francesco ha adottato questa lettera come logo e simbolo che appare per tutti i viottoli e i sentieri del sacro itinerario francescano, guidando i pellegrini attraverso un’esperienza di vita indimenticabile.
    Giotto - Predica agli uccelli

    Patrocinio
    Legenda
    Luoghi sacri di S.Francesco
    Luoghi sacri
    Centri d'interesse francescano
    Paesi interessanti
    Panorama
    Sentieri e punti naturalistici
    Laghi, cascate, fiumi, fonti
    I Borghi più belli d'Italia
    I Borghi più belli d'Italia lungo il Girotondo
    Citerna
    Anghiari
    Castiglione del Lago
    Cetona
    S.Casciano dei Bagni
    Torre Alfina
    Civita di Bagnoregio
    Lugnano in Teverina
    Stroncone
    Arrone
    Trevi
    Montefalco
    Bevagna
    Spello
    Login
    Nome Utente

    Password



    Dimenticata la password?
    Richiedine una nuova qui.